Palazzo Gravina - via Monteoliveto, 3 - 80134 Napoli
Palazzo Orsini di Gravina (1513-1549), fabbrica rinascimentale tra le più rilevanti della città, con aggiunte e trasformazioni significative tra Sette e Ottocento, è dal 1936 sede della ex Facoltà di Architettura. Ospita oggi aule per la didattica, la Biblioteca “Roberto Pane”, il Presidio didattico della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, l’ Area Didattica, la Biblioteca di Area Architettura, il Centro sull'Iconografia della Città Europea, il Centro per l’archivio e l’interpretazione del progetto architettonico e urbanistico contemporaneo.
Complesso dello Spirito Santo - via Toledo, 402 - 80134 Napoli
Antico insieme di edifici, destinati a Conservatorio e Banco, sorti in stretta relazione con la vicina chiesa dello Spirito Santo, il complesso ha origine nella seconda metà del Cinquecento, con significative trasformazioni tra il XVII e il XVIII secolo. Subisce un radicale intervento di ristrutturazione edilizia portato avanti da Marcello Canino (1965-74). Acquisito dall’Università, ospita dalla metà degli anni Novanta strutture per la didattica e la ricerca universitaria, studi di docenti e ricercatori, la Segreteria Studenti, la Biblioteca “Marcello Canino”, il Laboratorio L.U.P.T., il Centro “Alberto Calza Bini”, il Centro “Luigi Pisciotti”.
Palazzo Latilla - via Tarsia, 31 - 80135 Napoli
Sorto come radicale rifacimento di una preesistenza, acquistata dal consigliere Latilla nel 1754, l’edificio costituisce il corpo centrale – adibito a residenza del committente – di un complesso di “case palaziate” commissionate da quest’ultimo a Mario Gioffredo. Realizzato tra il 1758 e il 1761, presenta la caratteristica articolazione del palazzo napoletano, costituita da ingresso, cortile e scala aperta disposta sulla parete di fondo del cortile. Divenuto sede universitaria dal 1988, ospita spazi per la didattica, il Centro CITTAM, il Centro Urban/Eco.
Edificio della Facoltà di Ingegneria - piazzale Tecchio, 80 - 80125 Napoli
Realizzato tra il 1955 e il 1970 come sede della Facoltà di Ingegneria, l’edificio è progettato da Luigi Cosenza dopo alcuni studi preliminari risalenti al 1948. E’ costituito da un corpo basso di tre piani su pilotis, da un insieme di corpi edilizi protesi verso piazzale Tecchio (destinati ad ospitare l’aula magna, la presidenza e gli uffici amministrativi) e da una torre di undici piani destinata agli Istituti. Ospita al VII e all’VIII piano studi di docenti e ricercatori, un’aula e tre laboratori.
Chiesa di Donnaregina vecchia - vico Donnaregina 26, 80138 Napoli
Edificata a partire dal 1293 su un preesistente complesso monastico basiliano, la chiesa rappresenta un unicum nel panorama dell’architettura angioina a Napoli per la presenza di un coro soprelevato e di uno straordinario ciclo di affreschi di scuola di Pietro Cavallini. Abbandonata progressivamente nei secoli successivi, subisce manomissioni nel corso dell’Ottocento, fino al restauro diretto da Gino Chierici (1928-34). Dal 1975 ospita la Scuola di Specializzazione in Restauro dei Monumenti, oggi Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio.
Chiesa dei SS. Demetrio e Bonifacio - piazzetta Teodoro Monticelli - 80134 Napoli
Edificata tra il 1706 e il 1725 dai padri somaschi, a seguito di una serie di acquisizioni di lotti preesistenti, la chiesa si deve a Giovan Battista Nauclerio. Presenta un impianto planimetrico a croce greca, sormontato da cupola senza tamburo, mentre la facciata, frutto dell’apertura dell’attuale piazzetta Teodoro Monticelli nel 1729, è caratterizzata da un semplice portale con edicola. Restaurata dopo un lungo abbandono nel 1987, ospita l’Aula Magna del Dipartimento di Architettura.
Webstaff | Regolamento | Mappa del Sito | © DiARC Dipartimento di Architettura via Toledo, 402 - 80134 Napoli ITALY | fax +39 081 2538717 | P.IVA 00876220633