EDIFICIO DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA

L’edificio della Facoltà di Ingegneria rappresenta l’epilogo della ricerca progettuale sull’architettura mediterranea e, in particolare, sul carattere della tradizione costruttiva napoletana compiuta da Luigi Cosenza nel suo lungo e costante lavoro sulla città di Napoli: un’opera che segna il raggiungimento di una maturità nella manipolazione degli spazi e delle forme che in questa architettura a “grande scala” trova la sua migliore e più completa espressione.

Un progetto che riprende alcune soluzioni progettuali della Fabbrica Olivetti: l’utilizzo degli esili pilastri arretrati e passanti tra l’interno e l’esterno della facciata, l’articolazione della sezione “scalettata”, studiata per orientare la luce naturale diffondendola entro spazi molto profondi, il ricorso ad aggetti e rientranze nel disegno chiaroscurale della facciata. (…)

Lo schema finale lavora su una organizzazione degli ambienti disposti intorno ad una corte centrale, raccolti in volumi differenti in base alle funzioni e al sistema dei percorsi che li connettono. (…)

Al corpo prospiciente il viale Augusto viene conferito maggior rilievo nella composizione, per il suo essere tangente all’asse longitudinale che organizza lo spazio atrio-corte e per la doppia esposizione delle sale da disegno. (…) Diversamente, il volume delle aule prospiciente la via Domitiana è completamente vetrato sulla corte e all’ultimo livello affatto chiuso sulla strada.

 

Ospita al VII e all’VIII piano studi di docenti e ricercatori del DiARC, un’aula e tre laboratori.

 

Tratto da: F. Bruni, “Una sperimentazione progettuale tra modernità e tradizione”, in: A. Buccaro, G. Mainini (a cura di), Luigi Cosenza oggi 1905/2005, Clean, Napoli, 2006

Webstaff | Regolamento | Mappa del Sito | © DiARC Dipartimento di Architettura via Toledo, 402 - 80134 Napoli ITALY | fax +39 081 2538717 | P.IVA 00876220633